«

»

Decreto “Destinazione Italia”: nuova modifica alla disciplina sulla certificazione energetica

E’ entrato in vigore oggi, 24 dicembre 2013, il Decreto Legge n. 145 del 23.12.2013, conosciuto come Decreto Destinazione Italia che introduce nuove norme anche sulla certificazione energetica. In particolare, vengono modificate le sanzioni per il caso di contratti di trasferimento degli immobili in assenza di APE: in luogo della nullità potrà essere richiesta l’applicazione di una sanzione pecuniaria.

Vengono, infatti, sostituiti i commi 3 e 3 bis dell’articolo 6 del D.Lgs. 192/2005.

Secondo le nuove disposizioni, «Nei contratti di compravendita immobiliare, negli atti di trasferimento di immobili a titolo oneroso e nei nuovi contratti di locazione di edifici o di singole unità immobiliari soggetti a registrazione è inserita apposita clausola con la quale l’acquirente o il conduttore dichiarano di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica degli edifici; copia dell’attestato di prestazione energetica deve essere altresì allegata al contratto, tranne che nei casi di locazione di singole unità immobiliari. In caso di omessa dichiarazione o allegazione, se dovuta, le parti sono soggette al pagamento, in solido e in parti uguali, della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 3.000 a euro 18.000; la sanzione è da euro 1.000 a euro 4.000 per i contratti di locazione di singole unità immobiliari e, se la durata della locazione non eccede i tre anni, essa è ridotta alla metà. L’accertamento e la contestazione della violazione sono svolti dalla Guardia di Finanza o, all’atto della registrazione di uno dei contratti previsti dal presente comma, dall’Agenzia delle Entrate, ai fini dell’ulteriore corso del procedimento sanzionatorio ai sensi dell’articolo 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689.».

Su richiesta di almeno una delle parti o di un suo avente causa, la stessa sanzione amministrativa di cui al comma 3 dell’articolo 6 del decreto legislativo n. 192 del 2005 si applica altresì ai richiedenti, in luogo di quella della nullità del contratto anteriormente prevista, per le violazioni del previgente comma 3-bis dello stesso articolo 6 commesse anteriormente all’entrata in vigore del presente decreto, purchè la nullità del contratto non sia già stata dichiarata con sentenza passata in giudicato.